• Gabriele Palazzolo

Che cos’è la SEO? Ti sarà davvero utile per il tuo Business!

Aggiornato il: apr 7

Inizio con una domanda: Sapevi che il 91% delle ricerche online inizia con un motore di ricerca ? Tipo GOOGLE.

tutto quello che devi sapere per fare seo nel 2020

Cos'è la SEO (Search Engine Optimization)

È una domanda che mi sono sempre fatto anche io, così ho deciso di approfondire.


La SEO aiuta le persone che stanno cercando il tuo contenuto a trovarlo facilmente e quindi avvicinarti ai tuoi potenziali visitatori o acquirenti.

In questa guida ti spiegherò nel dettaglio cosa può fare la SEO per la tua attività.


Pronto a togliere tutti i tuoi dubbi sulla SEO e sapere come ottimizzare il tuo sito per i motori di ricerca ?

Iniziamo.


Il Re dei motori di ricerca: Google

Google è il Cristiano Ronaldo nel mondo SEO. Google ha un numero impressionante di visitatori unici al mese, oltre 250 milioni solo negli Stati Uniti, figurati in tutto il mondo...


Più del 90% delle persone utilizza Google come motore di ricerca.

analizzare i dati con le analytics google

Google è il cuore della SEO, però le strategie SEO devono essere applicate in diversi metodi.

Ma non esiste solo Google, probabilmente non ci farai nemmeno caso, ma anche questi siti sono motori di ricerca:

  1. Amazon

  2. Ecosia

  3. Yahoo

  4. Bing

  5. Youtube

  6. Dailymotion

In breve, fare SEO significa posizionarsi più in alto possibile nella ricerca all’interno di un motore di ricerca (scusa il gioco di parole).


La SEO è importantissima per la aziende!

Ci sono più di 40 mila ricerche ogni secondo solo su Google. Ovvero oltre 3,5 miliardi in un solo giorno e questo significa che i tuoi potenziali clienti stanno cercando qualcosa che tu hai! Il tuo prodotto o servizio.


Se non stai utilizzando strategie SEO per farti trovare dai tuoi potenziali clienti, stai lasciando tanti soldi sul piatto.


Ecco come funziona nel tecnico Google (ma in realtà qualsiasi altro motore di ricerca):

  • Iniziamo parlando cos'è il SE (search engine) della SEO

Google ha un crawler che raccoglie e cataloga le informazioni su tutti i contenuti presenti su internet, come un'immenso database virtuale. Il crawler poi cataloga ogni contenuto dando un punteggio di pertinenza in base a tantissimi fattori diversi tra loro, come, per esempio, il livello del dominio, le Keyword, le social metrics, il traffico, il livello di pertinenza, il CTR, la frequenza di rimbalzo ecc.


Una volta analizzati tutti questi dati insieme, l'algoritmo gli elabora e vieni posizionato su Google. Arrivare nelle prime pagine non è per niente facile, anzi, una delle pratiche ad oggi più difficili è proprio quella di posizionarsi nelle prime pagine su Google.

  • La parte O (optimization) della SEO la vediamo adesso.

L'ottimizzazione è tutto ciò che scriviamo noi, i contenuti che vediamo su ogni sito, cercando di renderlo piacevole ad ogni lettore e ottimizzato - appunto - per la SEO, così che il motore di ricerca possa ''appiopparci'' un punteggio e posizionarci dove lui riterrà opportuno su Google.


Ottimizzare un contenuto non è affatto facile, entrano i gioco molte varianti, come il titolo e la lunghezza dello stesso, la descrizione, i tag, le keyword, i backlink e ovviamente il contenuto di per se, che generalmente per posizionarsi tra le prime pagine deve essere sopra le 2.000 parole.


Ma come possiamo ottimizzare ancora di più la pagina?

L'ottimizzazione sul sito o sulla pagina è l'insieme di tecniche volte a  migliorare la qualità del contenuto di un sito e/o pagina Web.

Molti elementi devono essere perfezionati sulla strategia di parole chiave :

  • Tag del titolo

  • Meta tag (meta description, robot, parole chiave)

  • Markup semantico (H1-H6 , cioè la grandezza della scrittura)

  • URL

  • Contenuto della pagina (corpo)

  • Rete interna (collegamenti interni)

Invece, parlando dell'ottimizzazione fuori la pagina, si definiscono i link esterni (Netlinking), di conseguenza tutto ciò che riguardano i collegamenti che reindirizzano a una pagina. Questi sono:

  • Origine dei link esterni (i backlink sono dei siti di qualità);

  • Link anchor ( questo termine viene utilizzato quando reindirizzare il tuo sito).

Quando inserisci dei collegamenti, però è un fattore molto importante preferire la qualità piuttosto che sulla loro quantità, Google li apprezzerà molto più più favorendoti rispetto ad altri siti.

grafico a torta che mostra la percentuale di traffico sul sito web

L'esperienza dell'utente è l'ultima ad essere presa in considerazione da Google ma deve essere assolutamente sottovalutato se vogliamo garantirci i primi posti sulla ricerca. Possiamo distinguere diversi criteri importanti per la SEO:

  • ergonomia del sito: aspetto e qualità

  • tasso di conversione

  • frequenza di rimbalzo

  • viaggio dell'utente

Se fatto bene pian piano riuscirai a guadagnarti i primi posti nei motori di ricerca, d'altro canto se non valuti l'importanza dell'esperienza dell'utente commetti un grave errore, rischiando di essere penalizzato dai motori di ricerca. Non trascurarli!


Non devi sottovalutare MAI gli elementi tecnici del sito (come il codice HTML, nome di dominio, ricerca per indicizzazione, ecc.) Questi fattori sono anche essenziali, perché influenzano i visitatori del suo sito web e/o pagina, riducendo al minimo il tasso di rimbalzo o migliorando il tasso di conversione di un sito.

  • Peso e velocità di caricamento di una pagina (molto importante)

  • Aspetto e qualità del sito

  • Architettura e struttura ad albero

Queste azioni apparentemente semplici in realtà comportano una moltitudine di azioni che serviranno ad ottimizzare e migliorare l'immagine del tuo sito per Google o per un altro motore di ricerca. All'inizio ti prenderà gran parte del tuo tempo ma ottimizzando il tuo sito/blog nel migliore dei modi, ti porterà tanti benefici in ottica SEO e SERP.

grafico a torta che mostra gli11 punti fondamentali della SEO

1. Da dove arriva il traffico sul tuo sito web?

Molte ricerche dimostrano che oltre la metà dei visitatori dei vari siti web avvengono grazie ai motori di ricerca. È impressionante considerando che quelle che arrivano dai Social o dai metodi a pagamento sono veramente una piccola fetta.


Ovviamente parliamo di siti internet o blog ottimizzati a livello SEO, che ricevono molto traffico giornalmente.


Ma nella massa, tra i milioni di siti, ovviamente ciò che porta più visite è la ricerca organica.


2. Aumenta le tue entrate grazie alla SEO

Il 79% dei consumatori prima di acquistare qualcosa esegue ricerche su internet.


Ti sarà capitato sicuramente anche a te, prima di comprare qualcosa l'hai cercata su Google, avrai letto recensioni e pareri, oltre che ad acquisire il maggior numero di informazioni su quel prodotto. E poi lo hai acquistato, magari sempre online, cercando il sito che lo vendeva al minor prezzo.


Quindi le persone che visitano il tuo sito internet, potrebbero diventare anche tuoi clienti. Ma senza strategie SEO a livello professionale questo è molto difficile.



3. Più clienti nel tuo negozio

Essere presente in alto nelle ricerche dei motori di ricerca significa attrarre nuovi clienti e portarli nel tuo negozio. Quando un utente cerca qualcosa e la ricerca è geolocalizzata, troverà le aziende vicino alla sua posizione e questo per te è un’enorme possibilità.


Se non lo stai già facendo ti consiglio di attivare il servizio che Google offre gratuitamente a tutti gli imprenditori, ovvero: Google My Business.


Google My Business è fondamentale per la tua attività, ti permette di essere in contatto con i tuoi clienti in pochi click, aggiungendo tasti di chiamata, navigazione o per far visitare il tuo sito web.


Inoltre sono profili gratuiti da creare, facili e molto ottimizzati da Google stesso per mostrarli alle persone nella tua zona.